Vicenda ANAC

Con deliberazione n. 32 del 30/04/2015 ANAC contestava ad ASMEL CONSORTILE la legittimità ad espletare gare aggregate per conto dei Comuni. ASMEL ha impugnato innanzi al TAR il provvedimento e a seguito della sentenza n. 2339/2016 ha poi promosso ricorso innanzi al Consiglio di Stato. Nelle more, il Tar ha impegnato ASMEL a conformarsi alla delibera ANAC. È esattamente quanto è già stato fatto fin dal giugno scorso, sulla base della Mozione approvata all’unanimità in sede assembleare, che ha impegnato la Consortile ad astenersi dall’indire nuove gare aggregate, modello Consip. Inoltre dall’11 novembre ASMEL Associazione ha ceduto le quote di Asmel consortile che diventa così una struttura partecipata direttamente dai Comuni. La legittimità delle gare in corso e di quelle da indire deriva perciò dal fatto che ASMEL Consortile si è diligentemente limitata a svolgere attività di committenza per tutte le procedure degli Enti aderenti (con relativo Cig e Rup, in conformità alla determinazione Anac n. 11 del 23 settembre 2015 recante “Ulteriori indirizzi interpretativi sugli adempimenti ex art. 33, comma 3-bis”).

pdf

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubbblicato

DALLE NOSTRE RASSEGNE

torna all'inizio del contenuto
Questo sito web utilizza i cookie
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.